sabato 30 gennaio 2010

messaggio di Maria per noi

Maria Santissima, tra di noi. Mi appare con la sua dolcezza, con il suo viso solare, che traspare amore e grazia. Con la sua calma, e il suo amore, si rivolge a tutti noi, con questo suo messaggio:

“Miei protetti, carissimi figli di Dio: io sono Maria. Io, Maria, appaio a un uomo per parlare agli uomini; appaio a te, uomo - figlio di Dio - perché tu possa portare il mio messaggio ai tuoi fratelli e alle tue sorelle, con la semplicità di chi è semplice nella vita e con l'amore di chi ha incontrato il Signore, Dio nostro.

Figli miei, questo tempo - e il tempo a venire - sarà il tempo della conversione e della riflessione, ma sarà anche il tempo della selezione che, lentamente ma inesorabilmente, è già iniziata.
Come già annunciato da altri messaggeri, inviatevi dal Padre, è tempo della conversione; ma anche della consolidazione, per tutti coloro che non sono nella fede e per tutti coloro che, invece, sono nella fede. La conversione, figli miei, è importante: dimostra che anche il figlio ribelle può tornare al Padre; dimostra al Padre che anche il figlio che l'ha tradito ora capisce. Capisce che tutto non può essere opera dell'uomo; che non si può fare tutto da soli, e che anche le più profonde teorie sul creato, arrivano tutte ad un punto; un punto oltre al quale si può solo supporre. Ma che si spiega solo con una parola: creazione. Sì, il lavoro del Padre - di Dio - che ha creato l'uomo, la terra, e tutto ciò che serviva all'uomo per vivere.

E allora, pensate a tutto ciò che Dio ha creato; a tutto ciò che Dio può fare o ha fatto. Anche il più potente degli uomini, si sente una nullità. L'uomo, anche se immensamente forte, ha dei limiti; ma Dio non ha limiti. Egli tutto può.
Fieri di voi stessi; orgogliosi del vostro corpo, avidi di denaro: voi non siete nulla. E a Dio, del vostro denaro, del vostro corpo, o della vostra fierezza, non gli importa. Cercate di coltivare dentro di voi la fede, l'amore per il prossimo, l'amore per voi stessi: inteso come amore per la vostra vita, che è un dono prezioso. E cercate di convertirvi al Padre - che avete dimenticato -, perché Lui non vi ha mai dimenticato.


Voi, cari figli, che già in Dio credete; anche a voi affido un compito: dovete testimoniare; testimoniare l'amore di Dio, ai vostri fratelli che camminano lungo la via della perdizione. Il vostro compito - vi avviso - sarà arduo e difficile; preparatevi ad essere respinti, a volte in maniera anche offensiva. Ma non temete - come Gesù, mio figlio - predicate con la semplicità dell'uomo, e con parole che siano comprensibili a un bambino: che nessuno possa dire che non capisce la parola di Dio. Se, alla fine del vostro lavoro, su mille, dieci si convertiranno, il vostro lavoro sarà ben fatto e sarà un successo. Non demoralizzatevi mai, voi; come Gesù, portate la parola di Dio a tutti i bisognosi, e a chi non la conosce.
È triste pensare che il Padre, per salvare i propri figli, debba ricorrere ad una selezione tra il popolo. Ma, purtroppo, il male non deve vincere sul bene; o sarebbe la fine. E il maligno ha già fatto sin troppi danni, con quest'uomo che sembra credere più a lui che a Dio. Ora basta! Il tempo si ferma, e - da ora - il popolo di Dio crescerà; il popolo del maligno, lentamente, si auto-estinguerà. Capisco che già altre volte avete sentito queste parole; forse in altre forme, ma con lo stesso significato. Bene! E' giusto che vi vengano ripetute. E se, alla fine, non vi convertirete, potete solo dire: mia colpa, mia grandissima colpa!

La preghiera, il parlare con Dio e il suo Regno tutto, sono la vostra salvezza: a voi la decisione! Io – Maria - sarò sempre al vostro fianco, pronta a difendervi e ad ascoltarvi. Figli, tornate al Padre e vivete felici, con Dio nel cuore.
Nel Padre, nel Figlio, e nello Spirito Santo, io vi benedico”.


48 commenti:

  1. Grazie, dolcissima Mamma, per i Tuoi ripetuti inviti all'amore, alla conversione, ad un cambiamento radicale di mentalità e di vita. Io mi affido a Te, con tutte le mie debolezze, con tutti i miei limiti che, spesso, mi impediscono di "volare in alto" come vorrei. Ti voglio bene Mamma, ti voglio tanto bene!
    Tua Scarlet

    P.S.: grazie, caro Dardo, per la tua disponibilità all'azione di Dio e di Sua Madre in te! Che tu sia benedetto sempre dal Signore!

    RispondiElimina
  2. Grazie Dardo per queste parole che ci riempiono di fiducia e di speranza nel nostro compito di evangelizzazione. Grazie davvero a te e a Dio che ti ha scelto per questo compito con il quale dimostra di non volersi dimenticare di noi. Un caro saluto e a presto

    RispondiElimina
  3. Grazie tanto Dardo perche' con te possiamo ascoltare le parole della nostra mamma anche se spero dal profondo del mio cuore che la madre nostra mi ascolta e non mi abbandoni non so che fare mi sento sola di tutti e di tutto aiutami tu mammina cara Dardo di tu alla nostra mamma che mi dice che devo fare in quello che sto passando perche' lei sa tutto perfavore aiutami mammina cara GRAZIE.

    RispondiElimina
  4. Il corpo è fragile: bello o brutto, la salute e la giovinezza pian pian vengon meno. Orgogli effimeri. Chi nasce è un condannato a morte. Nessuno mai è sopravvissuto ad una nascita. Gesù? Maria? Sarebbero le uniche eccezioni, di cui però una è quella del figlio di Dio, che comunque morì, anche se poi risorse, e l'altra nacque immacolata. Entrambi non sono persone comuni come io, tu che leggi e chi ci sta intorno. Entrambe non sono neanche certezze storiche, ma solo una questione di fiducia, di fede, che sia andata così. Ci spero, ma una parte di me sa che non potrà mai avere la certezza davvero, oltre al fidarsi.

    L'avidità del denaro, tanto bramato, che aiuta a cavarsela meglio nella vita, lo sanno i poveri che muoiono di fame o vivono di stenti. La vita però mi ha insegnato che esso o il possedere qualcosa, non dà la felicità o la gioia, che può dare invece anche un umile e semplice gesto o la meraviglia dell'universo. Un ricco può essere altrettanto infelice, ma anche annoiato e privo di uno scopo. Può cercare di riempire il suo vuoto con oggetti, cibi, divertimenti, piaceri, ma potrebbe ancora sentire quel qualcosa che manca. Per quanto egli o ella, cerchi di seppellirlo, stordirlo, dimenticarlo, quel qualcosa mancherà. E' un vuoto, senza fondo, un piccolo buco nero, difficile da riempire. Si compensa con qualcosa, che più tardi non basterà come prima, ce ne vorrà di più e ancora e ancora. Riuscirai a dimenticarlo un momento, ma solo un momento.
    Ella o egli arriva vecchio e stanco al tramonto dei suoi giorni o arriva prima in malattiva. Guardandosi indietro, ricorda il turbine della sua vita, il tanto indaffararsi, agitarsi, scontrarsi o soddisfare voglie, cercare gloria o vincere sugli altri, ma forse allora penserà a quali sono le rare cose che realmente hanno riempito il suo cuore.

    Illusioni consolatore, in questo mondo di miseria esistenziale e di morte.

    La fierezza: serve agli uomini e donne ad innalzare sé stessi e sé stesse sugli altri, rendendoci soli, lassù in cima.

    A Dio non importa di queste cose. Anche se non ce lo dicesse, non dovrebbero importare neanche a noi.

    Convertirsi. Avere Fede. Credere. Dio e la Vergine Maria tanto lo desiderano, ma sarebbe facile e Dio può tutto. Se una cosa fosse certa, non sarebbe una cosa da credere, ma da sapere. Nessuno infatti dubita che il cielo è blu di giorno, le nubi bianche e grige e pieno di stelle di notte. Se gli angeli apparissero a tutti, se a tutti apparisse la Madonna, se a tutti Dio parlasse con la sua voce, allora sapremmo. Dio può farlo, ma non lo fa. Non posso pensare che la volontà divina non possa realizzarsi, allora non è quella la Sua volontà.
    Dio fa la Sua volontà e non si manifesta esplicitamente. Cosa significa, dunque cosa vuoi, o Dio, davvero? Forse che ci resti il dubbio, così da vivere questa vita senza sentirla finta o virtuale; viverla, anziché limitarsi ad aspettare la morte, in attesa dell'aldilà?
    La Madonna ci dà la speranza che la vita e questo mondo non sono quella miseria senza scopo e senso e che non finisce tutto nel nulla.

    Un tempo credevo. Credevo a tante cose. Me le insegnavano i grandi, così pensavo agli adulti, prima che lo diventassi anche io. Mi fidavo: loro erano grandi, loro erano saggi, loro avevano ragione. La loro parola era la verità. Erano belle cose da credere: questo signore (tanti lo immaginano con la barba bianca), che viene dal cielo, pensa a noi, premia i buoni e punisce i cattivi. Poi ho scoperto che il vecchio che vola su una slitta trainata da renne, per portare i regali ai bambini buoni e il carbone ai cattivelli era solo una favola, un'invenzione. Allora perché devo fidarmi di quell'altro racconto del Vangelo? Anzi dei Vangeli, sono più versioni. Non lo so. Spero che sia vero, probabilmente ho bisogno di crederci. Beati i semplici, che credono e basta.

    RispondiElimina
  5. Anonimo, mi permetto di intervenire e di risponderti. C'è una ragione per la quale Dio ci chiama alla fede: quale merito avresti, se avessi la certezza che Dio esiste? Se noi avessimo questa certezza, dove sarebbe il nostro merito? Dove sarebbe la nostra fatica per guadagnarci il Regno di Dio? Ma Dio ha però scelto di venire ugualmente, ha sacrificato Suo Figlio in mezzo a noi, ha concesso molte apparizioni e molti miracoli e ha costituito un popolo di santi che guidassero gli uomini dubbiosi di cuore. Ma nonostante tutto, noi continuiamo a vivere nel dubbio e siamo incapaci di avere fede. Io ti dico, che anche se Dio apparisse nella nostra vita, noi rimarremmo comunque nel dubbio, se non fosse stato tutto un sogno o un allucinazione. Siamo fatti così e perciò Gesù, sapendo e conoscendo i nostri cuori dubbiosi, disse: "Beati coloro che pur non vedendo, crederanno". Io penso che questa frase dica tutto ciò di cui abbiamo bisogno per credere.
    Scusami Dardo se sono intervenuto, ma mi sentivo di rispondere e di aiutare in un certo senso, questo nostro fratello. A presto

    RispondiElimina
  6. bellissimo messaggio della Nostra Mamma!è vero, per noi che crediamo in Dio e Gesù nostro salvatore è dura la testimonianza... nessuno vorrebbe essere respinto solo perché porta un messaggio d'amore così bello, eppure accade. E' accaduto per primo proprio a Gesù, e Lui ci ha avvertito di questo: "vi perseguiteranno".. ma ci ha anche chiamati "beati per causa della giustizia"!
    Volevo dire anche io, se posso, una cosa al fratello Anonimo: Gesù dice "ecco, sto alla porta e busso". Anche nel dubbio e nella paura, Gesù non smette mai di stare alla porta del tuo cuore... non ti forzerà mai perché il dono più grande che Dio ci ha fatto è il libero arbitrio, e Dio NON è MAI violenza, ma solo amore infinito.
    Dardo Dio ti benedica,
    Elena

    RispondiElimina
  7. Grazie Angel, per avermi letto e risposto. Ciò che cerco sono infatti delle risposte. Forse non avrò mai La risposta, tranne nel caso in cui Dio stesso si mostrasse e si spiegasse; ciò nonostante, sentire il pensiero di voi fratelli e sorelle "aiuta in un certo senso" me, come dici tu, sperando che il senso sia il medesimo. Anzi in un mondo di individualismo e cuori induriti, è sempre più raro pensare ad essere fratelli e sorelle, sebbene nelle stesse famiglie, specialmente in questi tempi, ciò non è sempre rose e fiori.

    La tua risposta, caro Angel, genera purtoppo in me altre domande: a che pro? Se ho dubbi ed è tuo interesse è che io ci creda a quell'unicorno a pallini blu, che dici che esiste, (di)mostramelo. Che problema c'è? Questo è il primo immediato pensiero che viene. In cosa consiste dunque questo merito? Perché è un merito credere ad una cosa che ci viene detta (da altri uomini e donne, in fondo), senza verificarla? Ciò infatti contrasta con l'esperienza quotidiana, dove non è raro che quanto dato per sicuro, risulta poi, se non falso o una bufala, fuorviante. Dovrei credere a tutti costoro? Avrei merito a credere acriticamente a tutto quanto mi dicono? Forse allora solo nella fede cristiana? Ma come faccio a sapere che è meglio di altre? Se nascevo in India, ora sarei verosimilmente di fede induista; se nascevo in un paese arabo, mussulmana, fidandomi allo stesso modo. E se nessuno mi avesse insegnato niente?
    Chissà se avrei sentito Dio. Forse sarebbe stato un sentire puro, senza l'intercessione dei pensieri degli uomini.
    O forse il merito è: "ti do un indizio, ma ci devi arrivare da solo/a". Io però questo non posso saperlo, posso solo ipotizzarlo. Sarebbe nuovamente il pensiero degli uomini, che vogliono interpretare quello di Dio. Allora è meglio sentire cosa dice il Cristo.
    Gesù nei vangeli lo ricordo parlare solo una volta esplicitamente di merito: "se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori/pubblicani fanno lo stesso" e altre cose simili. L'altruismo e l'andare oltre l'amico e il nemico, quello è certamente un merito. Credere sulla fiducia non lo so. E' scritto? Potrei non saperlo. Forse "sentire" la presenza di Dio, ma allora è un "dono", piuttosto che un merito, mentre lo sarebbe accettarlo o meno. Sto però di nuovo interpretando, mentre vorrei sentire la Parola di Dio.

    Ringrazio anche Elena, per il suo bel messaggio. Forse a Gesù che bussa dovrei aprire la porta e basta, invece di chiedere chi sei (la mia immaginazione? Un conforto immaginario delle mie paure? Sei davvero tu? Dimmi di sì).

    Un abbraccio a Dardo. Anche di lui devo fidarmi di ciò che dice di sé stesso, ho letto il suo profilo. Comunque sia, sono bei messaggi e per vie traverse, mi ha consentito di rivolgere le mie domande qui... Anche se per Dio e l'universo sono una nullità in confronto, non sono nessuno, non vi ho detto neanche se sono un fratello o una sorella, ma penso non ci sia differenza per Dio.

    RispondiElimina
  8. Buon Giorno Carissimi,
    mi scuso per queste mie parole, ma sincere sono dette dal mio infranto/ridestato cuore.

    Il venerando Maestro Gesù diceva anche di BUSSARE E DI CERCARE perché a nessuno sarebbe stato vietato con il suo personale bagaglio conoscitivo di ricercare quelle verità del creato e della vita. Il problema più grosso è proprio questo perché quando la vita ci sottopone a delle prove, spesso queste portano a ricercare tutte quelle risposte che nessuna chiesa ha mai pronunciato e rilegandoli solo ad UN ETERNO RISPOSO.

    Il problema è proprio questo perché CHI CERCA CON GRANDE UMILTA’, CON GRANDE CORAGGIO E SOPRATTUTTO CON GRANDE AMOREVOLE CUORE ALLA FINE TROVA.

    Mi riferisco alla MORTE. Sapete io sono un genitore che per l’indefinibile dolore ha ricercato quel grandioso maestro che 2000 anni ha manifestato i suoi santi giusti insegnamenti, ma dopo tanta mia ricerca mi sono reso conto che molte cose sono state mal interpretati sia per la perdita di significati dovuta ai linguaggio Aramaico/Greco/Latino/Volgare etc. sia per i numerosi errori dovute alla TRASCRIZIONE, sia anche al malevole cuore duro degli uomini, che hanno occultato certe verità conosciute dai primi padri del Cristianesimo. Insegnamenti che successivamente con i numerosi concili molte cose sono state cancellate da quasi tutti i vangeli. Oggi questa affermazione ha un suo fondamento scientifico e anche religioso perché la scoperta di tanti manoscritti protocristiani risale già a partire dal fine Ottocento. Nel 1945 a Nag Ammadi in Egitto, a QUMRAN presso il Mar Morto furono ritrovati altri numerosi manoscritti molti di cui ritenuti religiosi e sacri anche se ancora non accettati da una mentalità prettamente ortodossa. La cui origini e datazione storica è prima e dopo CRISTO. Scritti la maggior parte dagli Esseni in Aramaico e Greco antico, ci rapportano e ci descrivono gli usi, i costumi, le tradizioni, il pensiero, il credo e tante altre cose di quella società di quel tempo passato. Come ci rapportano i modi con cui i nostri padri percepivano e descrivevano come raggiungere lo stato d’estasi per l’illuminazione o l’ispirazione divina. Sapete questa analisi comparata oggi ha spolverato tante cose nel raffronto diretto, e molte cose contradditori sono emerse. Penso che se uno ha vera fede tantomeno deve attenersi a certe giuste verità e non a certe cose che possono distaccarci da esse.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Molti messaggi sono veri perché vengono ispirati attraverso la CANALIZZAZIONE, che passa per un cuore umano, e quindi assai importanza è da attenzionare al cuore a cui giungono le informazioni provenienti dai mondi spirituali. M non bisogna trascurare l’essere e il contesto sociale/morale/religioso in cui esso vive, perché anche in questo ci sono dei RADICIATI CONDIZIONAMENTI CHE IN QUALCHE MODO INFLUENZANO E POSSONO DEVIARE IL VERO MESSAGGIO.

    Quando il messaggio è IMPERSONALE E RIVOLTO A TUTTI INDISTINTAMENTE DAL COLORE, DAL CREDO ALLORA PUO’ ESSERE VERITIERO, perché quel PADRE CELESTE indistintamente ama tutti i suoi figli. Se poi si volesse indagare sulla natura dei grandi Maestri che hanno in ogni tempo cercato di sollevare questa nostra martoriata umanità si capirebbe CHE QUEL DIO E’ TANTI NOMI e che si è manifestato in ogni tempo ed in ogni luogo. Il concetto di DIO è assai RIMPICCIOLITO, rapportato alla limitata natura umana, mentre quell’essere indefinibile che da qui con un frammento di saggezza antica chiamiamo DIO è qualcosa di assai indefinibile e diverso di come ci hanno indotto a credere. Basta rapportarsi con il creato , basta osservare l’universo per capire che questo piccolo mondo scompare nel raffronto degli infiniti mondi , degli infiniti universi e di quella multi realtà olografica che è compenetrata da tante vibrazioni TANTE SONO LE DIMORE DEL PADRE MIO CELESTE diceva Gesù.

    Se poi ci rapportiamo con la storia, dobbiamo capire che sempre i grandi maestri hanno sempre camminato vicino al sentiero dell’uomo, con le stesse problematiche del tempo. Quindi dobbiamo solo capire quali siano i giusti insegnamenti da quelli indotti in un tempo passato dove c’era ancora molta ignoranza. OGNI LEGGE SEGUE IL SUO TEMPO DI MANIFESTAZIONE E DI COMPRENSIONE. Oggi è arrivato quel tempo tanto atteso e tanto temuto di RISVEGLIARE LA NOSTRA DIVINA COSCIENZA CHE DORME PRIGIONIERA IN UN MONDO DELLE APPARENZE E DELLE INDUTTANZE dove conta solo L’APPARIRE E NON L’ESSERE. ……

    CI SIAMO E CI HANNO INDOTTO A DIMENTICARE CHE NELL’UNIVERSO MANIFESTO ESISTONO LE GERARCHIE SPIRITUALI CHE IN CERCHI SEMPRE PIU’ GRANDI GUIDANO L’EVOLUZIONE COSMICA DI OGNI COSA.

    RispondiElimina
  11. In primis rispondo all'anonimo di questa mattina: io non credo a ciò che gli altri mi hanno detto. Vedi, il rapporto con Dio non si basa sulle parole di altri, ma si basa nel rapporto che tu hai con Lui. Io ho incontrato Gesù per caso, durante una celebrazione e da lì ho sentito un impulso che mi ha spinto a cercare di capire cosa era ciò che provavo. E alla fine la mia risposta è arrivata sotto una miriade di segni che noi prendiamo come coincidenze, ma che non lo sono. Se uno guarda indietro, nella sua vita, riesce a vedere la Mano di Dio: a me è capitato questo.
    Tu non capisci perchè ci dobbiamo affidare nel dubbio:ci sono molte cose che noi non siamo in grado di capire perchè la Sapienza di Dio non è certo alla nostra portata. Ma Gesù in fondo ci ha chiesto solo di avere fiducia in Lui e di amarci gli uni gli altri. Nessuno è mai riuscito a confutare le Parole di Gesù proprio perchè esse sono Verità per l'uomo. Se noi guardiamo con il cuore alle Sue Parole e se noi ci mettiamo in preghiera, con il cuore in mano, come se Gesù ci stesse dinanzi, allora molte cose si schiariscono. Tutto sta nel cuore, nell'amore e nella fede: Gesù rappresenta la Speranza e che Speranza sarebbe se tutti la vedessero come una cosa normale che ci spetta di diritto?
    Sai perchè io credo a Dardo come messo di Dio? Perchè non ci guadagna niente dallo scrivere qui queste cose: non chiede denaro, non chiede pubblicità, non si mette in mostra e i suoi messaggi non sono diversi da quelli di Gesù nel Vangelo. Noi possiamo solo avere fede nell'Altissimo, sapendo che Lui esiste e vedendo con il cuore a tutto ciò che operato sin dalla creazione dei tempi: il creato funzionale all'uomo, come se il mondo fosse stato fatto a misura d'uomo; i profeti che hanno più volte annunciato l'arrivo del Messia. Il Messia che si è presentato adempiendo ogni Scrittura e parlando in un modo che nessun altro uomo ha mai saputo replicare. E da allora, apparizioni, miracoli incredibili, uomini che da un momento all'altro cambiavano vita perchè trovavano la Luce (San Francesco). Io penso, che abbiamo ricevuto mille prove dell'esistenza di Dio, solo che noi siamo troppo abituati agli occhi del materialismo e siamo incapaci di vedere con cuore e con spirito: e purtroppo, è proprio lì che si può trovare Gesù e se guardi gli occhi di molti, vedrai la luce di Dio.

    RispondiElimina
  12. @ Raffaele

    Vedi, molte cose, si spiegano se affrontate con la coscienza e con il cuore, come dici tu. Ma indagare se ci sono testi o alterazioni (che considero impensabili, considerando che chi l'ha fatto si è condannato alla dannazione eterna e considerando che Dio non avrebbe mai permesso alla Sua Parola di passare) è solo un qualcosa in più: tutto ciò che ci erve a capire questo mondo è nel nostro cuore ed è dentro di noi: guardando il mondo, guardando gli uomini e guardando noi stessi, capiamo come quelle Parole di Gesù sono vere proprio perchè rispecchiano l'esistenza. E se si pensa che, duemila anni dopo, tali Parole sono più vive che mai mentre molte sono morte, allora si capisce come ci sia Qualcuno che suscita gli spiriti degli uomini affinché si porti avanti il Messaggio e la Buona Novella. E lo stesso vale per tutti quei miracoli e apparizioni inspiegabili: qualcuno si è chiesto perchè i miracoli avvengono solo a chi ha avuto fede nel Cristo e nel Padre Nostro che è nei Cieli? Nessuno mi risponde a questa domanda. Ed io penso che il nostro cuore abbia già dato la sua risposta.

    RispondiElimina
  13. Grazie Carissimo Angel per aver risposto alla voce del mio cuore,
    le tue sono sagge parole, Vedi, molte cose, si spiegano se affrontate con la coscienza e con il cuore, come dici tu. Ma bisogna capire che ci sono sempre dei livelli di comprensione legati al proprio sentire, al proprio capire, al proprio agire. Come ho detto sopra il V.M.GESU' ci ha detto una grandiosa verità. MOLTE SOLO LE DIMORE NELLA CASA DEL PADRE CELESTE. È questo è capibile perché ogni essere ha un suo sentiero, un suo LIBERO ARBITRIO, che prima o poi lo condurrà alla vera casa di tutte le cose. Se poi si capisce che L'AMOREVOLE PADRE non rilega a NESSUNA DANNAZIONE i suoi figli meno evoluti, cambia tutta la musica. Come si può essere ciechi e sordi nell'ascoltare la PARABOLA DEL GIGLIOL PRODIGO.

    L'errore più grande del nostro Cattolicesimo è di aver cancellato da quasi tutti i vangeli LA
    PREISISTENZA DELL'ANIMA
    che gli antichi Padri della chiesa accettavano, perché avevano capito cosa volesse dire LA SEMINA E LA RACCOLTA come la LEGGE DI CAUSA EFFETTO.
    Poi vorrei Rimarcare che anche la scienza ha sondato questi misteri attraverso la BILOCAZIONE E LO SDOPPIAMENTO INDOTTO, attraverso l'analisi verificata sui casi di PREMORTE o di IPNOSI REGRESSIVA. Se poi si vuole indagare sulla storia di questa nostra Cristianità si arriverà al punto di accettare che la terra doveva essere piatta? Ti rendi condo quanda ignoranza, quanta gente è morta per certe cosse assai assorde? LA VENDITA DELLE INDULGENZE HA CAUSATO LO SCIMMA DELLA CHIESA, ti sembra oggi, giusto accettare che si possono cancellare dei peccati gravi ed irrisolti dalla giustizia umana quando Gesù stesso diceva che si RACCOGLIE QUELLO CHE SI E' SEMINATO? Non sono queste vere domande da porci con il divino intelletto e con l'amorevole cuore o forse è vietato anche questo, solo perché qualcuno ci dice certe cose al nostro benevolo inconsapevole cuore sono insondabili? E allora come la mettiamo con le CALANIZZAZIONI TELEPATICHE? Come pensi che io parli con mio figlio Orazio? Pensi che quel linguaggio sia dettato solo dal dolore o che sia rilegato ad un fantomatico inesistente Satanasso oppure che SIA LA FORZA DELL'AMORE CHE LEGA GLI ESSERI SU QUALSIASI PIANO VIBRAZIONAE DI COSCIENZA? Perché non si vuole confrontarsi con il giusto raziocinio e il giusto amorevole cuore? Solo questo basterebbe ad allontanare tanti mali.

    RispondiElimina
  14. Ho trovato interessanti i commenti di Raffaele.

    Caro Angel, io non penso che la speranza ci spetti di diritto. Quel che penso è che Dio ci dice (o, di norma, lo dice chi ritiene di star riportando parole Sue) che dobbiamo credere ad una serie di cose. Se realmente volesse convincerci, gli basterebbe farcele conoscere. Il mio arbitrio non è minacciato dal vedere che il cielo è blu. Temo che invece non ci sia tale intenzione divina dove è tanto vago da lasciare così tanto spazio all'interpretazione e all'associazione di idee, da poter essere qualunque cosa o coincidenze. Oppure può bastare a qualcuno, mentre ad altri no.
    Come disse qualcuno, se parli con Dio stai pregando, mentre se Dio parla con te, sei uno schizofrenico. Chi sente le voci o ha visioni, può essere genuinamente convinto o convinta che non siano frutto della propria mente e agire di conseguenza o viceversa pensare di avere allucinazioni. Difficile dirlo. Se però tutti nel mondo sentissero la stessa voce, di dubbi ce ne sarebbero meno: gli alieni stanno comunicando con noi. Scherzo, per dire che ci può essere spesso un'altra possibilità. Ma io mi accontenterei anche di molto meno, forse lo stesso troppo, come una risposta ad una domanda che mi preme, ma che qui non ho espresso.

    Invece sulla speranza:
    Se io credo ad una cosa, non spero: ci credo.
    Se io conosco una cosa, non spero: so che è così.

    Io non riesco a credere in quel modo, né conosco vere prove di ciò che si racconta, dunque mi resta la speranza.

    RispondiElimina
  15. Carissimi,

    vorrei aggiungere un altra cosa per chi vuol credere, perché anche i miracoli hanno un loro fondamento che si basa su una consapevolezza e su una conoscenza maggiore, delle leggi che regolano la natura e la vita stessa.. Quando un essere illuminato , un essere superiore abbraccia queste cose per mostrare la potenza del cuore, agli occhi del profano e del non conoscitore diventano miracolo. 30 anni fa un cellulare era pura fantascienza, oggi un giocattolo, ma c'è di più se veramente si vuole indagare sulla realtà delle apparenze che crediamo una e una sola mentre è multi dimensionale e compenetrata a diversi livelli vibrazionali.

    Lo voglio riportare perché penso che sia importante e trampolino di lancio per capire certe cose più grandi.

    Ci fu detto che la "Parola Creatrice”, il LOGOS DIVINO, passa attraverso le GERACHIE SPIRITUALI ai mondi inferiori dove schiere minori la echeggiano e riecheggiano così da plasmare tutte le svariate forme di natura.

    Poiché l'Artefice divino crea perennemente, la sinfonia creativa
    continua ad essere composta ed eseguita. Le Gerarchie Celesti e
    gli Uomini vivono in mezzo ad armonie celestiali, armonie che
    possono essere udite solo dalle coscienze illuminate dalla luce
    dello Spirito, da pochi iniziati, armonie di cui ci parla Platone come dell'eterna "musica delle sfere".

    Ancora meglio, per motivare quanto sia importante plasmare
    amorevolmente i propri pensieri
    vi parlo anche dell’HADO un termine giapponese che letteralmente significa VIBRAZIONE , Il soffio vitale, il Prana, l’energia cosmica che è presente in ogni cosa ,che circola ovunque attraverso il respiro.

    Come l’energia elettrica all’inizio fu vista dai non conoscitori come
    una diavoleria ,ma poi si rivelò illuminante per tutti gli usi che conosciamo, così presto si parlerà sempre di più del potere del suono e della PSICOTRONICA perché anche questa energia che scaturisce dall’HADO è misurabile con la percezione dei sensi e dimostrabile con i risultati scientifici.

    Masaru Emoto un noto scienziato giapponese la cui fama internazionale si deve al fatto di aver scoperto che l’acqua è sensibile alle vibrazioni delle parole e della musica durante le sue numerose conferenze in tutto il mondo spiega e dimostra con una serie di esperimenti come la struttura dei cristalli d’acqua sottoposte all’esperimento “auditivo” assume forme completamente diverse una volta congelate.

    RispondiElimina
  16. I cristalli formatasi dall’acqua che era stata sottoposta a musica
    “metal” o una parola cattiva, una bestemmia, o parole tipo
    “guerra”, “odio” ecc,. avevano una struttura informe orribile e
    assai irregolare, mentre i cristalli d’acqua sottoposti a suoni
    armonici tipo “musica dolce, classica” parole come “amore”,
    “gioia”, “pace” ecc. assumevano una struttura assai bellissima ed
    indescrivibile, Non solo Masaro si accorse che anche IL
    PENSIERO E’ IN GRADO DI PRODURE GLI STESSI EFFETTI.


    Queste sono prove tangibili che dimostrano gli effetti
    dell’ENERGIA SOTTILE” lo stesso effetto prodotto sulle galline
    sottoposte a particolari onde vibrazionali che alla fine come
    risultato finale producono più uova.

    Sul potere del SUONO, dei PENSIERI, delle PAROLE, dei
    GIUSTI SENTIMENTI ci sarebbe ancora tantissimo da dire, ma lo
    lascio intuire attraverso queste poche rimarcate parole: In
    principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio - E FU IL VERBO, E FU LA LUCE, E FU LA VITA.


    Capite? Riuscite a Capire quali effetti hanno le parole, i sentimenti i pensieri verso noi stessi e gli altri? Capite che come i cristalli il nostro corpo è formato del 75% di acqua.

    Una forte personalità assai illuminata, un essere superiore può con il suo pensiero trasmutare e controllare anche la materia. Questi esperimenti sono stati fatti su alcuni monaci tibetani con sorprendenti risultati. NON SONO MIRACOLOSI, perché c'è tanto ancora da scoprile sulla natura e soprattutto nel microcosmo uomo.

    Contemplandoe le meravigliose parole di Sant’Agostino: “E gli uomini escono per ammirare l’altezza delle montagne, i potenti cavalloni del mare, l’ampio flusso dei fiumi, la vastità dell’oceano, il cosmo e le orbite delle stelle e trascurano se stessi, IGNORANO SE STESSI, IGNORANO L’UNIVERSO CHE E’ IN OGNI ESSERE .”

    Capirete perché un giorno Gesù disse e dice: “in ogni Cosa, in ogni Uomo, In ogni Essere c’è un DIO da riscoprire, c’è DIO e Voi farete cose più grandi di me e se avete fede (Consapevolezza, Intelligenza Conoscenza, Amore Compassione Tolleranza, Umiltà e Saggezza ) anche se è piccola quanto un granello di senape potrete dire a questo monte: “Passa da qui a là", e passerà; e niente vi sarà impossibile”

    Volete capire in quattro sole parole che ANCHE VOI SIETE
    DIO. Riuscite ad immaginare cosa comporta questa celata ed
    inespressa verità? Verità detta in ogni tempo, da tantissimi
    illuminati, da tantissimi mistici, da tantissimi filosofi, da tantissimi
    artisti, poeti scienziati e maestri di saggezza che attraverso
    l’espressione o il pensiero, ermetico simbolico massonico ci
    hanno trasmesso o agito in secreto per tramandarci questa
    grandiosa verità?

    Comunque mi scuso per il tono con cui mi sono espresso in questo modo, ma è solo per dare un veloce inarticolato messaggio che parte dal cuore e nulla di più.

    (queste cose che io ho contemplato li ho scritte e se volete, senza nessun oblico li posso trasmettere, basta chiederlo ed io vi risponderò raffaele55@ymail.com)

    RispondiElimina
  17. Raffaele, i miracoli non sono solo quelli del corpo. I miracoli che si sono manifestati sono anche spirituali e alcuni materiali come il miracolo di Lanciano che vi invito a verificare. E comunque perchè lo stesso potere di autosuggestione non avviene per i fedeli buddisti o induisti? Perchè fonte di miracoli è sempre stata la fede nell'Unico Dio?
    Detto questo, vorrei dire all'anonimo di prima, questo: l'amore che tu provi per tua madre, tuo padre, tua moglie e tua sorella, lo vedi? I tuoi occhi ti dicono che c'è l'amore in giro? No, perchè l'amore non è visibile, ma noi lo percepiamo, lo sentiamo e ne siamo impregnati. Queste cose, in forma diversa, le diceva Ambrogio ad Agostino prima che quest'ultimo si convertisse perchè Agostino, come te, si chiedeva perchè credere nell'invisibile e perchè questa scelta da parte di Dio. Lui l'ha capito e ha trovato dentro di sè ciò che cercava e nel Vangelo: perchè è facile dire che il Vangelo è stato manipolato, ma chi ci da questa certezza? Se fosse manipolato, potrebbe infuocare i cuori di chi lo legge? La nostra risposta di Verità è nel Vangelo e nel nostro cuore: come l'amore che è chiuso nel nostro cuore e nel nostro spirito, così la fede e la presenza di Dio. Pur non vedendo con occhi umani, noi percepiamo la presenza di Dio vicino a noi. A me è capitato, alcune volte, di sentire una mano tesa dinanzi a me e una figura al mio fianco che mi sosteneva. Non so spiegarle queste sensazioni eppure, per pochi istanti, io le ho provate ed ho capito molte cose. Noi dobbiamo lasciarci andare alla fede e lasciarci travolgere: se invece poniamo dei paletti, o ci continuiamo a porre domande sulla giustezza del comportamento di Dio (quasi che noi fossimo in grado di capire il Suo disegno) vagheremo sempre in cerca di qualcosa. Sempre Ambrogio disse: non è l'uomo che trova la Verità, ma è la Verità che trova l'uomo. A voi le conclusioni...

    RispondiElimina
  18. Cari lettori voglio ringraziarvi tutti per i vostri commenti e per il sostegno e la forza che mi date con le vostre parole. Vi chiedo scusa se raramente intervengo ma purtroppo ho poco tempo e colgo l'occasione di ringraziare tutti voi con amore fraterno.
    Grazie Angel per il tuo intervento, per la tua parola sui commenti di Anonimo e di Raffaele e grazie anche ad Elena per essere intervenuta. Grazie a tutti voi che seguite il mio blog, ma sopratutto, e questo è quello che importa, seguite e percorrete la strada di Gesù e di Maria Santissima portando, insieme a tanti altri che non conosco, la parola di Dio nel mondo.
    caro/a Anonimo, tu sei in cerca di risposte che nessuno ti potrà mai dare se continui a mettere in dubbio tutto ciò che ti viene detto. Io ero come te, scettico e terreno a livelli paurosi, io credevo in ciò che vedevo, nelle mie mani, in ciò che riuscivo a fare e toccare, insomma nel materiale e in tutto ciò che è scontato, che è così e basta. Ho vissuto nella trasgressione, nel peccato, ho sfiorato varie volte il punto di non ritorno, e, ora ho vergogna a dirlo, a chi mi parlava di fede e di Dio io ridevo in faccia, forte delle mie teorie terrene. Neanche la morte della persona che amavo in quel tempo mi fece vacillare nel mio io, anzi, feci della trasgressione la mia vita, con alcool, droga,ma! Sempre fermandomi quel attimo prima di concludere la mia vita. Scusa non voglio annoiarti dicendoti cose che avrai sentito tante volte cerco solo di fare in modo che tu mi conosca un po' meglio per potere così parlare insieme.
    Ad un certo punto la mia vita si è tranquillizzata,come? Come sia successo ancora a volte me lo chiedo, ho incontrato una persona che ora è mia moglie e per amore suo mi sono messo in riga ed ora spero di essere un buon padre di famiglia.
    Ora che credo in Dio, un giorno mi sono voltato in dietro e ho pensato alla mia vita, e ho pensato a quante volte ho rischiato di morire ma mi sono sempre fermato un attimo prima, ho pensato alla mia vita vissuta come un avventura e all'incontro con mia moglie, e, che per amor suo, sono radicalmente cambiato. Ho pensato a quel si, davanti all'altare, convinto quasi a forza da mia moglie a sposarmi in Chiesa, e ho pensato a quando con mio figlio piccolo gravemente ammalato, in ospedale, un frate (Padre Pio) mi apparve in sala, a casa mia, mentre il bimbo era in ospedale e io pensai di essere stanco e di avere le allucinazioni. Ho pensato a tante altre cose che mi sono successe ma alla fine ora deduco che il buon Dio mi ha portato a se in tutti i modi possibili e siccome ero duro di testa, Lui mi ha lavorato ai fianchi fino a farmi cedere dimostrandomi il Suo infinito amore.
    Poi un giorno mentre ero al lavoro incominciai a vedere strane figure, alzando gli occhi al cielo vedevo immagini di un mondo che non conoscevo, non sapevo cosa era, andando avanti nel tempo queste immagini erano sempre più frequenti e io sempre più spaventato, dopo circa sei mesi di queste immagini e visto che da solo non riuscivo a gestire la cosa, mi sono confidato con mia moglie, e con lei ho incominciato un percorso. Lungo il percorso mano a mano che mi appariva qualcosa lo scrivevo e ho scoperto che quelli che vedevo erano Angeli, Santi, io vedevo il Regno di Dio. Credo che Dio con la fatica che ha fatto per recuperarmi abbia voluto da me un riconoscimento, facendomi Suo messaggero e testimone del Suo Regno.

    RispondiElimina
  19. continua...Tutti noi abbiamo Dio dentro, nessuna risposta della scienza potrà mai sostituire la creazione. Caro Anonimo, se tutti potessimo vedere e toccare Dio con mano sarebbe troppo facile, il nostro percorso terrestre serve per guadagnare la vita eterna, e se ci pensi bene tutte le religioni, o le forme di pensiero che fanno dell'amore la loro fede pensano al dopo vita da meritare con il percorso terreno.
    Spero di averti portato un po' di chiarezza raccontandoti il mio percorso di vita o magari ci siamo solo conosciuti un po' meglio.
    In quanto a te Raffaele forse anche tu puoi trarre profitto dal mio racconto, libero di crederci come tutti, non conosco gli spiriti e le forze spirituali di cui parli e francamente non mi interessano. Io purtroppo per tempo e perché non mi piace leggo pochissimo e raramente, sono molto ignorante, ma nel mio essere ignorante su quelle cose di cui parli tu facendo poemi, sempre rigirando sulla stessa cosa, posso dirti che ciò che scrivo non viene da spiriti, o da altre tue interpretazioni, io vedo Gesù, Maria Santissima, e tutti i Santi, gli Angeli e gli Arcangeli di cui scrivo, non conosco il vangelo, non conosco la bibbia, perché come ho detto leggo pochissimo, i miei ritiri spirituali sono fatti con semplici preghiere, sono seguito da sacerdoti , perché a volte il Regno di Dio per me è ancora sconosciuto e ho bisogno di capire. Nessuno potrà mai dire se ciò che scrivo e che vedo è vero,o è solo una mia fantasia, come nessuno lo potrà mai dire di chiunque, anche i vari veggenti sono messi in discussione, i posti Sacri di guarigione ecc. ecc. eppure qualcuno ogni tanto, e, credimi più spesso di quello che si sente dire, torna da questi posti guarito. Qualsiasi cosa che guarisca una persona è sicuramente mossa da amore, che sia spirito, fede, o miracolo sempre di amore si tratta, io sopra a tutte queste definizioni con tanti e molteplici nomi ne vedo solo uno per tutti e su tutti. Dio.
    Quel Dio che chiamato in modi diversi dai vari popoli, rimane unico ed è un Padre saggio e misericordioso di pace, amore, e verità.

    RispondiElimina
  20. Caro Dardo hai dato conferma del mio pensiero su di te: e ti voglio dire anche questo che Gesù dice nel Vangelo: "«Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te"
    Credo che questo spieghi bene di come Dio ha scelto di rivelare Se Stesso non a chi ha scienza e sapienza o potenza, ma agli umili, a coloro che non sanno nemmeno scrivere o leggere. Perchè dinanzi a Dio non conta l'intelligenza o la scienza, ma l'amore e l'umiltà. Grazie a te Dardo e ti saluto di cuore, ancor più fiducioso della tua buona fede!

    RispondiElimina
  21. Dardo io non ti conosco ma di quello che hai scritto di te stesso ho capito che il Signore ha fatto dei miracoli li definisco cosi per me quando una persona si converte cosi e un miracolo che Dio fa.Io sono una madre di famiglia ho 5 figli e certe volte anche a me capita di essere sola abbandonata di tutto e di tutti anche perche cerco di capire che cosa e la cosa giusta da fare in certe situazioni della mia vita ho sbagliato anch'io tanto nel corso della mia vita e la cosa che mi fa piu' male di dentro e che le persone che davo tanto fiducia e volevo bene mi hanno tradito e non riesco a dimenticare chiedo chiarezze al Signore ed certe volte anch'io sul dubbio non so' cosa Dio vuole da me o faccio finta di non capire chiedo pace sul mio cuore e quando voglio pregare e come se qualcosa me lo impedisce mi sento una nullita nei suoi occhi e cerco di capire sempre il mio percosso su questa terra la speranza e grande e Dio e grande grazie Dardo adesso che ho scoperto questo blog spero che rafforzera' sempre di piu' quello che sento per Dio.

    RispondiElimina
  22. cara Grazia, rispetto la tua sofferenza e ammiro la forza con la quale la affronti.Ti ricordo che il perdono nei confronti di persone che ti hanno fatto del male è importantissimo perchè è questo che ti aiuta a salire la scala che ci condurrà alla vita eterna. Credo che sia per noi impossibile capire fino in fondo cosa Dio voglia dalla nostra vita. Ma ci basti pensare che il Signore vuole solo il nostro bene. Affidati a Lui, Lui ti ama, Lui ci ama.
    Un'altra cosa, quando non riesci a pregare, quello è proprio il momento in cui devi riuscire a farlo, prega,stai nella confessione e nella comunione, vedrai che tutto piano piano si aggiusterà.
    Dio ti benedica.

    RispondiElimina
  23. “Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai
    nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli”. (San Matteo, Cap. XI, versetto 25).


    Caro Angel, giuste sono le tue parole, ma bisogna anche capire che la conoscenza non esclude né l'amorevole cuore né l'umiltà, né l'intelligenza. I grandi Padri della chiesa sono stati anche e soprattutto dei grandi ricercatori, dei filosofi, dei mistici San Giovani, San Paolo, Sant'Agostino, San Francesco e tantissimi ancora.. Bisogna solo capire che ci sono conoscenze e misteri che possono essere capite dalle menti più illuminate ed altre che possono essere capite da tutti. Così' come Gesù stesso parlava alle genti per mezzo di PARABOLE, mentre ai sui discepoli che dovevano trasmettere ed insegnare la buona novella spiegava i CONCETTI con una conoscenza superiore.

    Perchè dinanzi a Dio non conta l'intelligenza o la scienza, ma l'amore e l'umiltà
    Se puoi si vole capire che quel tuo dire si riferisce agli orgogliosi allora si capisce benissimo che questo non va in conflitto con nessuna SAGGIA VERA RICERCA INTERIORE perché quell'affermazione allora farebbe cadere tutti i Santi Padri della Chiesa e tutte le persone Sagge e Amorevoli di questo mondo.

    Caro Dardo, capisco il tuo sentire, e devi credimi, per nessun motivo è mia intenzione sminuire le tue percezioni introspettive o le tue visioni, che sono nate nel tuo percorso di vita. Ti rendo noto se hai la bontà di documentarti o d'indagare, su queste cose, scoprirai che sono accadute e accadono in in ogni tempo ed in ogni luogo del nostro pianeta indistintamente dalla razza, dal colore e dal credo. Basta ricercarle con tanto amore per scoprire che NON SI E' MAI SOLI. La tua personale esperienza ti ha condotto a queste rivelazioni, la mia già a 14 anni si è mostrata al mio allora spaventato giovane cuore che ancora non capiva. Ma erano preludio preparatore per il mio futuro sentiero, che sebbene non fosse coinvolto in nessuna perversa storta via, mi avrebbe condotto per destino al mio grande indefinibile dolore, la morte di colui che mi ha pregiato fino ai suoi gloriosi possenti amorevoli fantastici 20 anni, mio figlio Orazio. (che vedi ). E come ora puoi capire, il fato, il mio destino ha cambiato la mia vita e soprattutto il mio essere. Credimi non vorrei neanche nell'immaginario trasmettere l'inaccettabile sentire, che va oltre l'umana sopportazione, augurandolo con tutto il mio sincero ormai libero guerriero cuore che non succeda a nessuno, neanche al più di spregevole degli uomini perché non si può mai e poi mai descrivere, non ci sono parole adatte che possano definire quello che si prova per tanto turbamento , per tanto indefinibile indescrivibile grande dolore, per la perdita di un immenso amore, per l'amato assai caro figlio.

    RispondiElimina
  24. Sono sempre la persona di prima.
    E' bello parlare con voi. Probabilmente non è stato colto il motivo dei miei commenti da tutti, ma, forse, almeno qualcuno ha intuito che non sono qui per negare, ma per cercare. Ho letto con interesse le risposte di tutti. Dardo ha raccontato qualcosa di sé, che ho gradito molto e non mi annoia affatto, e allora parlerò anche io di me, per conoscerci meglio.
    Ebbene, non sono una persona atea, forse potremmo dire agnostica. Il mio percorso è inverso a quello di Dardo, ma non speculare, perché non ho toccato i due estremi dell'ateismo e della veggenza, né (per fortuna) ho mai preso il vizio del fumo, del bere o della droga, sebbene ho cercato comunque altre "consolazioni", che in un certo senso lo sono e ho visto molti angoli bui dell'esistenza. Un tempo credevo, pur non avendo il dono di Dardo (lo chiamo così, anche se, prudentemente, non posso avere davvero la certezza di cosa sia), ma conoscevo abbastanza bene la Bibbia e il Vangelo, pregavo, avevo sempre la croce e il rosario con me. Poi ho cominciato ad aprire gli occhi e a notare che non tutto quadrava, in ciò che dicevano gli uomini su Dio. Sicuramente avrete già sentito ogni argomentazione pro e contro, per cui non mi dilungo. Sono abbastanza coerente da non credere neanche all'astrologia, rapimenti alieni, scie chimiche e altre cose più o meno affascinanti, ma poco attendibili che vanno di moda oggigiorno, specialmente quando non trovo riscontro con la realtà. Conosco le "battaglie" fra credenti e non (che sia il cristianesimo o qualunque altra cosa): non mi piacciono, non mi interessano, non sono "contro" nessuno, non tifo una parte o l'altra. Non c'è amore in quello. Né c'è umiltà nel ritenere di avere capito tutto e di pensare di convincere gli altri. L'ho visto fare spesso. Preferisco limitarmi a mettere in tavola qualcosa, insieme a tutti, se capita che ho qualcosa da mettere anche io: chi vuole, colga. Altri porgono le loro cose e io ascolto. Io cerco. Mi muove la curiosità e anche una forma di bisogno. Penso che se mi capitassero le cose che descrive Dardo, continuerei a farmi domande, forse cercherei uno psichiatra per fargliele, ma comunque considererei ogni possibilità (che è diverso da negare o dubitare e basta), ma in ogni caso sarei come i bimbi con le mani nella nutella. Penso che a queste visioni chiederei un consiglio su alcune cose, se mi fosse concesso. Io però non sono importante, ma chissà? Magari è stato proprio Dio a condurre qua una delle sue pecorelle smarrite, che però si guarda intorno in cerca della strada. Chissà che qua non trovi una di quelle tessere che cerco per il mio puzzle. O forse la pecorella è arrivata qua per puro caso. Qualunque sia la realtà, i messaggi che ho letto in questo blog mi lasciano ogni volta qualcosa di buono e leggerò volentieri i prossimi.

    RispondiElimina
  25. Colgo l'invito di Angel sul miracolo di Lanciano. Pare che qualcuno ci abbia risparmiato la fatica di verificare:
    http://www.vialattea.net/esperti/php/risposta.php?num=9751
    Interessante. Purtroppo in effetti non si può verificare se c'è stata una trasformazione, ma alcuni aspetti sono interessanti. Di molti miracoli si propongono spiegazioni.
    Dell'induismo conosco il miracolo del latte, di cui esistono numerosi filmati anche su Youtube, mentre avviene. Anche di quello si propongono spiegazioni.
    Il buddismo è qualcosa di troppo differente per poterlo paragonare al cristianesimo. E' molto pragmatico. Non credo di poterlo spiegare in poche righe, né di avere la sufficiente competenza per poterlo fare bene. Da quel poco che so, sperando di non sbagliarmi troppo, Budda non viene divinizzato, insegna cosa osserva e non dovrebbe avere a che fare col credere vero qualcosa. Ho letto che il miracolo non è camminare sull'acqua, ma è camminare sulla Terra. Infatti Budda aveva molto in comune con Gesù: camminava appunto anche lui sulle acque, ma 500 anni prima. Erano molti i miracoli e le sue capacità sovrannaturali, tuttavia disprezzava i miracoli, dicendo che questi poteri miracolosi non dovevano essere la ragione per cui si seguiva la sua via.

    Capisco quanto dice Angel, ma l'amore, l'odio, la gioia, la paura e altri sentimenti io li "vedo" quanto il cielo blu. Sono evidenze. Altre cose non hanno evidenze, vedo interpretazioni che non sono evidenze, perciò non posso avere la certezza che ci siano o non ci siano. Può darsi. Allora posso avere la speranza o fidarmi di qualcuno, ma quando ne avessi la certezza o la conoscenza, logicamente non ci sarebbe bisogno dare una fiducia/fede per ritenerlo vero.
    Se dobbiamo meritarci un qualcosa in un aldilà e funziona meglio non sapendo, forse è meglio far finta che Dio non esista neanche. Dopotutto, se Dio c'è, fa finta di non esserci o non ne dà la certezza. Allora dobbiamo essere fin troppo grati di eventuali "suggerimenti". L'unica certezza è che siamo vivi e che abbiamo una vita da vivere. E che abbiamo intorno a noi dei compagni di avventura.

    RispondiElimina
  26. Ma è anche vero che quell'indescrivibile dolore per un compensevole divino volere ha aperto altri portali della mia mente e soprattutto del cuore. Solo il grande dolore poteva aprire quei necessari portali spazio temporali della memoria, e anche se in un frammento, è bastato a capire il mio passato, il mio presente e il mio destino.

    Di sicuro se ti dico che ho fatto un SALTO DIMENSIONALE NEI MONDI SPIRITUALI per cercare quella pecora smarrita che credevo ormai rilegata solo nei dolci ricordi della memoria, per ritrovare il mio immenso infinito amore, il mio angelo e maestro, mio figlio Orazio penso proprio che tu NON CI CREDERAI.

    Carissimo Dardo se tu hai visto ed anch'io parlato, ma questo devi credermi non mira ad innalzarmi sopra gli altri perché tutti siamo figli della stessa FONTE che qui chiamiamo DIO è solo l'amore che si riesce a manifestare fuori conta più di ogni altra cosa. Ma per ampliare, estendere ed espandere sempre di più quell'innato SPONTANEO AMORE spesso occorre anche la CONOSCENZA.

    Non pensare che io sia un erudito intellettuale, anch'io sono ignorante in tante cose, ma questo non esclude e non vieta di esporre certe conoscenze che aprono il cuore e la mente ad una VISIONE più ambia (perché allora si ritornerebbe indietro nel tempo, sugli stessi errori passati) Ma è anche vero che il problema più grosso è quando TI VENGONO RIVELATE CERTE COSE che per quell'innato altruistico sincero cuore vorresti sinergicamente condividere con tanti.

    Perché anche il Venerando Maestro Gesù diceva queste cose BUSSATE E VI SARA' APERTO, CERCATE E RITROVERETE come anche disse che quando capirete e ri-scoprirete,resterete sbalorditi e stupefatti ma, aggiunse anche, che non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire per capire, perché sapeva in virtù di quel principio di libertà che ogni essere è libero di restare nella sua prigione.

    Carissimo Dardo, senza nessuna imposizioni, ma solo per quella divina fratellanza che ci lega nel cuore, ti pregherei, attraverso la tue percezioni di CHIEDERE ALLA LA FONTE DELLA TUA ISPIRAZIONE SE C'E' QUALCOSA DI VERO IN QUELLO CHE HO DETTO. Solo questo e nulla di più.

    Con la mente e con il cuore che tutto abbraccia e contempla
    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  27. Scusandomi con il Caro Dardo per aver espresso i mie pensieri su questo suo illuminato spazio virtuale, mi rivolgo a tutti come anche al Al Caro Anonimo, (che vorrei conoscere meglio)
    per quella sua innata giusta ricerca , perché penso che lo stesso percorso di crescita interiore vale per tutti. Sempre per quel giusto raffronto di visioni, senza nessuna obbligante imposizione suggerisco di leggere delle lettere canalizzate da Gesù, in persona nel sito: http://www.viadicristo.co.za/

    Solo una avvertenza, di sicuro per alcuni amici queste lettere saranno anche una rivelazione per la loro ricerca scientifica, per alcuni amici che professano o insegnano la dottrina, forse verità sempre percepite, ma mai capite, per altri una bella conferma delle loro illuminate idee e intuizioni interiori, ed infine per altri ancora un mezzo per allargare la loro fede o per rifiutale come eretiche o insensate.

    Io non vi nascondo che dopo averle lette e contemplate e chiarite con mio figlio, nell'intimo del mio sincero cuore dico e penso che se vengono lette con mente scevra da tanti indotti preconcetti e soprattutto se vengono filtrate con il discriminante cuore, saranno delle CHAVE DI VOLTA chiarificatori, e resteranno impresse come dei colori su una tela bianca, come sagge parole dettate dall'amorevole cuore di un essere superiore che ci ama con grande amore. Solo questo è nulla di più.

    Scusandomi per aver richiamato la Vostra Attenzione, trovo Doveroso Spunto per Salutarvi Con Tanta Sincera Sentita Stima ed Ammirazione.
    Raffaele

    RispondiElimina
  28. Ci sono molte cose da dire e da sottolineare. Qualcuno mi ha citato Sant'Agostino come intellettuale che cercava la Verità: ma Agostino cercava la Verità prima della conversione perchè poi si rese conto, grazie anche alla figura di Sant'Ambrogio, che la Verità trova noi e non il contrario. Se guardiamo alla nostra storia, a quella mia e di Dardo, ci rendiamo conto di come Dio abbia aperto la sua Luce a chi non la stava nemmeno cercando. Io non ero né ateo e né agnostico: ero una via di mezzo tra credente e ateo. Poi, dal nulla, spuntò qualcosa che mi ha cambiato senza che nemmeno me ne accorgessi: e la stessa cosa è accaduta con Dardo. Questo è il senso di ciò che sto dicendo: come avvenne la conversione di San Paolo? Fu Paolo a cercare e trovare la Verità o fu la Verità a trovare San Paolo sulla Via di Damasco?
    Io penso che tutto ciò che dobbiamo sapere, lo sappiamo già: la chiave di svolta è l'amore. Chi ama capisce l'incredibile mistero di Dio e capisce il perchè Gesù sia morto per mano nostra. Chi ama, sa che c'è Qualcosa di potente che c'è nel nostro cuore e pur non vedendolo, non riesce a farne a meno. Molti hanno cercato di dare spiegazioni scientifiche all'amore, rintracciandole nella chimica, ma le loro ricerche sono state vane e inconcludenti perchè l'amore, esattamente come la fede e la speranza, sono invisibili ai nostri occhi: ma nonostante ciò, noi sappiamo che sono sentimenti reali e concreti che proviamo ogni giorno. Dare le prove dell'esistenza di Dio non è cosa semplice per chi vuole vederlo nella materia: eppure siamo circondati di prove. Basta guardare il solo creato e pensare alla creazione: la scienza ha cercato spiegazioni, ma arrivata ad un certo punto, si è fermata alle supposizioni.

    RispondiElimina
  29. Perchè noi abbiamo bisogno di prove fisiche, materiali, certe, ma io vi dico che nemmeno dinanzi a queste prove, voi credereste. Israele ha avuto il Figlio di Dio in mezzo a lei, ma non ha creduto. Pensava che i suoi segni fossero demoniaci. Ma Gesù non operava solo segni prodigiosi che nessuno ha mai replicato (nessun Budda ha mai resuscitato qualcuno dai morti! segno che Gesù aveva vinto la morte):la sua bocca era un prodigio. Nessuno ha mai proferito simili parole e nessuno ha mai osato dire cose simili contro gli uomini e contro i saggi e i potenti. Gesù l'ha fatto e la Sua Saggezza derivava da Dio, visto che non aveva nemmeno studiato. Molti dicono che le sue Parole sono state storpiate dai vescovi e dai potenti: ma a che pro? Le Parole di Gesù ci invitano a vivere la vita secondo Dio e a dubitare di farisei e scribi. Quale sarebbe stato il vantaggio per i potenti? Gesù ha parlato contro di loro e non a favore loro. Già questo, dovrebbe invitare a riflettere.
    Chi cerca Dio, lo può trovare solo dentro di sé: caro anonimo, non io ti posso dire dove trovare la certezza, ma tu sai che è dentro di te che vive. Devi solo avere l'ardore di guardare a Dio come un Padre e a Gesù come un fratello: e per una volta, pregare con il cuore in mano verso di loro e troverai la Verità perchè Gesù te la farà conoscere così come è accaduto per San Francesco e Sant'Ambrogio (entrambi spinti a leggere il Vangelo, altro segno che Gesù riconosce il Vangelo e quindi non lo ritiene modificato dall'uomo!. Riflettete su queste cose e abbiate amore, fede e speranza perchè così la vostra vita, sarà salvata e avrà futuro!

    RispondiElimina
  30. Grazie tanto Dardo provero' ad andare in chiesa come dici tu anche se da sola con i miei 5 figli gli ultimi gemellini di 2 anni ci provero' lo so devo farcela con l'aiuto di Dio ci riusciro' me lo sento.Grazie di nuovo che Dio ti benedica e grazie tanto Gesu' che mi hai fatto trovare questo blog spirituale.......

    RispondiElimina
  31. ma perdonare significa ritornare come prima con questa persona? o si perdona e non ci si tratta io cerco sempre vie del Signore confusa e turbata da tante cose vorrei sapere come comportarmi mi domando come possono esistere esseri cosi cattivi nel mondo che non te l'aspetti e ti ritrovi con le spalle al muro si si deve perdonare altrimenti Dio come fa a perdonare ma vorrei sapere come mi dovrei comportare con questa persona quando fa finta che non e successo niente normale e di nuovo amica o solo perdonare e ogniuno per la propia strada mi sento confusa tu mi puoi aiutare Dardo non vorrei vederla mai piu' anche se riesco a perdonare non so......che fare..

    RispondiElimina
  32. Ho letto con interesse tutti i commenti e questa discussione che si è aperta. Se posso, vorrei poter dire alcune cose, che spero possano essere utili...
    @ Grazia: Dardo ha ragione, il perdono è un processo fondamentale del tuo percorso di vita, che ti aprirà le porte a Gesù e agli altri. Non è facile, ti capisco per esperienza, e proprio per esperienza posso dirti che perdonare è un atto di volontà di fronte a Dio. All'inizio non sarà un sentimento (cioè magari non ti sentirai di amare quella persona o di avere affetto), ma se affidi il tuo perdono a Gesù, sarà LUI ad aiutarti, veicolerà il tuo atto di volontà e lo trasformerà. Sarà Lui a liberarti! anche se il male è stato fatto a te, il rancore è un catena che ti tiene legata in modo insano all'altra persona. Il male lo puoi vincere solo con il bene. Chiedi al Signore Gesù di spezzare nel Suo Santo Nome ogni catena di rancore e digli che sinceramente ti impegni a perdonare quella persona. Il bello è che Lui farà tutto per te, e ti ritroverai libera, quasi senza renderti conto!
    Se questa persona cerca il tuo perdono, non negarglielo. Se non lo cerca, non importa: tu devi spezzare il rancore che è in te e che ti consuma. DIo ti benedica! Elena

    RispondiElimina
  33. Per i restanti commenti: la cosa che vorrei dire è che la fede arriva anche grazie alla testimonianza di altri (grazie Dardo per la tua), poi, se uno apre il cuore a Cristo, ovvero se lo cerca con tutto il cuore e non solo con la ragione, Gesù ci viene incontro! diciamo che la nostra "fatica" nel cercarlo è limitata, perché se Gesù vede un cuore aperto e fiducioso a fare un salto nel buio, allora LUI compie l'infinita distanza che ci separa dall'infinita Sua Gloria, e ci viene incontro!!! L'ha già dimostrato nascendo, vivendo e morendo e risuscitando per noi. E lo fa ogni volta che lo invochiamo con fiducia e amore.
    Se questo può aiutare, vorrei dare anche io la mia testimonianza.
    Sono stata una ragazza orgogliosa, superba e egoista. Ho spesso calpestato i sentimenti di chi mi amava veramente per cercare una apparente libertà che mi ha confinato per alcuni anni nel baratro dell'anoressia. La fede che mi era stata insegnata fin da bambina è stata importante anche se camminavo completamente nel buio, spesso e fitto. Ho patito il freddo e la fame, ma sentivo sempre ogni giorno, ogni ora, la mia mente che mi contava, inesorabile, le calorie.
    Andavo in Chiesa ma amoreggiavo col mondo. Odiavo mia madre con una rabbia che nemmeno sapevo da dove venisse. Insomma, non sapevo chi era Gesù veramente. Però talvolta gridavo al Signore... piano piano la nebbia si è diradata. Mi sono sposata nel nome del Signore.
    Ancora il cibo era qualcosa di diffidente, da conteggiare; nel frattempo il mio neo marito si è ammalato di un disturbo del sistema immunitario, di una forma artritica di cui ancora la causa è ignota.
    Ho levato il mio grido al Signore: perchè invece di benedirmi stava infrangendo i miei sogni?
    Poi è arrivato, il giorno della mia conversione, che non scorderò mai: ho conosciuto l'amore per Gesù, per la Sua parola che ho divorato, e alla fine la mia anoressia è sparita, il Signore ha liberato me e mio marito da legacci e catene. Facciamo parte insieme di un gruppo di preghiera, e spesso i nostri amici ci guardano strano perché siamo giovani e questo impegno per loro non ha molto senso.
    La fede viene dall'ascolto, dice San Paolo, a me hanno parlato delle cose meravigliose che Cristo opera nella vita di coloro che lo amano: poi io però mi sono rivolta a Gesù, perché volevo scoprire il significato NELLA MIA VITA, e il velo che mi copriva gli occhi si è squarciato.
    Sia Lode e GLoria al Signore!!
    Per Raffaele mi sento di dire una cosa: stai attento, soprattutto ricorda che i nostri defunti non possono venire a parlare con noi. Tu puoi solo pregare per tuo figlio, e pregare Gesù e Maria che lo custodiscano e che loro DEVONO ESSERE I MEDIATORI tra noi e la Chiesa del'aldilà. Il diavolo è ingannatore e falsario fin da principio... ricorda che Saul fu punito perché aveva parlato con il defunto profeta Samuele, e aveva chiesto ad una negromante di fare da tramite, non certo a Dio, perché non l'avrebbe permesso! Anche ad una mia amica, dopo che il suo amato fratello è morto in un incidente, le sono cominciati ad apparire strani segni, e tanto era l'amore per il fratello defunto, che lei si sarebbe attaccata a queste cose. Però ha vinto la saggezza, si è fidata di Gesù, e quando ha avuto di nuovo queste visioni, ha pregato che, se non era il Signore Gesù, di andare via nel Suo Nome Santo. Le visioni strane che pensava fossero suo fratello sono sparite... e qualche tempo dopo, in adorazione del Santissimo Sacramento alla nostra Chiesa, lei ha visto il Signore Gesù, con le braccia rivolte a lei. La pace che ha sentito e che ci ha trasmesso non è imitabile: quello è il vero Spirito di Dio. Quando leggo i messaggi che vengono affidati a Dardo, sento pace nel cuore. E poi le scritture sono il nostro metro di paragone: san Paolo diceva di "mettere alla prova gli spiriti". Se qualsiasi cosa contrasta con la Parola di Dio, allora stiamo tranquilli che è falsa!
    Vi benedico tutti,
    Elena

    RispondiElimina
  34. Buon Giorno Cara Elena,
    ti ringrazio di cuore per i tuoi giusti consigli, ma io ho detto già una grandiosa cosa che non è stata capita. SONO ANDATO PERSONAMENTE CON LO SPIRITO (corpo astrale) NEI MONDI SPIRITUALI A RICERCARE E A RITROVARE IL MIO IMMENSO AMORE. Vedi questa affermazioni ha delle implicanze assai notevoli, che se non capite facilmente saranno rilegate ad un aspetto che per ignoranza chiamiamo DEMONIACO perché non si vuole conoscere e quasi ci si rifiuta di indagare sulla vera natura umana. (non solo i santi hanno il dono della BILOCAZIONE , della PROIEZIONE DEL PENSIERO, DELLO SDOPPIAMENTO, DELLA TELEPATIA e di tante altre celate virtù)

    Vedi, anche Grandioso Gesù ha parlato di queste cose, ma tante verità sono state CANCELLATE DAI VANGELI. (ho già accennato che nel confronto con i testi antichi ORIGINALI, ci sono molte discordanze) Ho anche accennato alle INDUTTANZE e ai CONDIZIONAMENTI, ma anche queste non sono state capite.
    Ho detto che DIO ha tanti nomi, ma anche questo non è stato capito e si pensa che la nostra storia abbia inizio solo 2000 anni fa e non si riesce a capire che GESU’ è stato la REINCARNAZIONE DEL BUDDA E DI ZORASTRO messi insieme, come non vogliamo capire il significato di molte sue parole, scordandoci quello che GESU’ stesso aveva detto tante altre cose:

    (I Cor. 3:16) Non sapete che siete tempio di Dio e che LO SPIRITO DI DIO DIMORA IN VOI? Se qualcuno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui; poiché il tempio di Dio è santo, e questo tempio siete voi”.

    (Giov. 15:26) “Ma quando sarà venuto il Consolatore, che vi manderò dal Padre, lo Spirito di Verità che procede dal Padre, renderà testimonianza a mio riguardo, ANCHE VOI RENDERETE TESTIMONIANZA PERCHE’ SIETE COM ME FIN DAL PRINCIPIO.

    Cara Elena, riesci a capire cosa vogliano dire queste frasi che ho rimarcato? SPIRITO, DIMORA IN VOI, CONSOLATORE, TESTIMONIANZA e soprattutto SIETE CON ME FIN DAL PRINCIPIO, FIN DAL PRINCIPIO, FIN DAL PRINCIPIOquando ci hanno insegnato e indotto a credere che la vita è una sola?


    Gesù non è venuto a fondare NESSUN CREDO RELIGIOSO, MA VOLEVA E VUOLE SPIEGARCI LA LEGGE DELL’AMORE CHE PASSA PER IL CUORE E DELL’ORDINE DIVINO CHE SI MANIFESTA IN OGNI COSA E CHE SEGUE UN PRINCIPIO EVOLUTIVO CHE INNALZA OGNI COSA ALLA FONTE DA CUI FU GENERATA CON GFRANDE AMORE.

    Guarda che anch’io sono stato un assiduo Cattolico fino ai miei 48 anni, ma il mio destino mi ha condotto ha quella RICERCA INTERIORE che è passata con quella ANALISI COMPARATA ad analizzare quasi tutte le religioni, per poi verificarlo attraverso la filosofia, per intuirlo attraverso l’arte e per sperimentarlo attraverso la conoscenza delle celate scienze superiori, e devi credermi in questo non c’è nessuna diavoleria né orgoglio perché il mio cuore è stato foggiato nell’umiltà e nella lealtà sin da bambino, e con tantissimo indefinibile dolore e con tanto amore, con tanta umiltà ho affrontato è sgretolato quasi tutti i processi interiori che potevano falsare il mio sincero cuore. Oggi se parlo è solo per quell’ UMANO ALTRUISTICO SPONTANEO SENTIMENTO che ci accomuna, per quella UNITA UMANITA’ in cui mi identifico al di fuori dei colori , delle razze o dei credo religiosi, e soprattutto parlo di LIBERTA’ DELL’ESSERE che non è quella di cui pensiamo, ma l’aspetto trasceso della natura umana che liberata dalle catene della materia può finalmente espandersi a quella giusta vera COSCIENZA CRISTICA CHE E’ PURO AMORE.

    Doveroso è ringraziare il caro Dardo che mi permette di parlare nel suo prezioso spazio virtuale, ed anche a tutti che ascoltate le mie strane assai contraddittorie parole.

    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  35. Caro Raffaele,
    non volevo accusarti, solamente il Signore vede sopra tutto e solo Lui è Verità quindi può giudicarci.
    Diciamo che effettivamente faccio un pò fatica a seguire i tuoi ragionamenti, diciamo anche che non condivido certe cose (ad esempio: Gesù NON è la reincarnazione di Budda né di Zorastro, Gesù è il Signore, Figlio del Dio Altissimo, quel Dio "di Abramo, Isacco e Giacobbe" rivelatosi ad Abramo nostro padre nella fede; la Parola di Dio è Parola di Dio e Lui non avrebbe permesso manipolazioni; noi prima di nascere esistevamo solo nella mente di Dio, in quanto siamo Sue creature, e noi NON siamo dèi, o similari)...
    Quello che ritenevo giusto dire, io l'ho detto, spero di non aver creato problemi anzi per questo magari chiedo scusa soprattutto a Dardo visto che questo sito è gestito da lui!
    Io mi fido solo del Signore e amo la Sua Chiesa perchè Lui ha dato la vita per essa, anche se la Chiesa terrena ancora non è perfetta e lo sarà solo con il secondo avvento di Gesù.
    Sia Lode e Gloria a Dio
    Elena

    RispondiElimina
  36. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  37. Mi Scuso con il caro Dardo per queste mie lunghissime parole, ma vorrei solo evidenziare un altro punto di vista con cui si può affrontare l’aspetto spirituale di ogni cammino esistenziale.

    Carissima Elena,
    senza nessuna imposizione, ma solo per quella ricerca interiore che ci fa crescere sempre di più nel cuore, come suggerivo sopra ti rimando a quelle lettere canalizzate dal cuore di Gesù in persona. Con gli stessi avvertimenti che ho già esposto.
    Come anche sulla reincarnazione, se vuoi approfondire, ho già detto qualcosa sopra attraverso le numerose VERIFICATE testimonianze sui casi di PREMORTE, dei coma indotti farmacologicamente (NDE), attraverso L'IPNOSI REGRESSIVA, attraverso la veggenza e tante altre virtù celate in ogni cuore umano.

    Poi se si è predestinati, si capisce che è possibile indagare sul proprio cammino di questa e di tantissime vite precedenti. Di sicuro è impensabile è inaccettabile sembra pazzia sembra impossibile nella realtà ordinaria, non è facile da capire ma, spesso quando qualcosa ci riporta le stesse emozioni, le stesse sensazioni che abbiamo provato nella nostra vita, nella nostra infanzia è come ascoltare una canzone che per un momento ci riporta indietro nel tempo e percepire quasi le stesse giovani emozioni. Allora pensi che lo stesso possa essere visitando un luogo, un posto nuovo e percepire “ci sono già stato” o incontrando una persona sconosciuta o leggendo un testo una poesia o vendendo un quadro un'opera antica. Certo non è quella sensazione normale dell'apprezzare qualcosa, ma quella strana sensazione diversa dall'ordinario che ci fa vibrare dentro, in modo diverso, come una gioia, un pianto senza motivo o un ricordo senza tempo. E’ quella impensata, non valutata, non capita trascurata sottile vibrazione interiore che ci lega al nostro passato e a tante cose care in cui il nostro passato è legato ora.

    RispondiElimina
  38. Spesso analizzare i vari quesiti con altre prospettive, con altre visioni ed osservazioni, da più punti di vista del problema, ci permettono di trovarne la soluzione più giusta e affidabile. Spesso la condizione d'osservazione è un’analisi scevra, imparziale, che molte volte è priva di conoscenza, che tende attraverso l'attenta e giusta raccolta d'informazioni ad avere quella visione necessaria che porta ad acquisire quella stessa conoscenza. Tanto più grande è l'osservazione sui dati raccolti tanto di più quell’analisi comparata tende a minimizzare gli errori, fornendoci risposte più attendibili e veritiere.

    Bisogna capire, che non è la scienza ad essere malvagia ma, il modo errato e deleterio con cui essa viene applicata. Questo significa che solo se in unità con la spiritualità, con il pensiero e con la mente indagatrice si può offrire alla scienza la giusta completezza. Unificazione che ci riporta anche al dire del grande Aristotele che affermava che la Scienza deve essere Teoretica: Metafisica, Matematica e Fisica. La prima tratta delle CAUSE PRIME che le altre rendono intelligibili (Matematica) e concrete e tangibili (Fisica).

    Ho cercato inizialmente di capire la religione, la nostra, con tutti i suoi concili con tutti gli errori, con tutti gli orrori, con tutte le stupide / ingiuste / insensate e assurde fratricide eresie che hanno frenato l’ascesa di questa nostra umanità verso quei veri principi di Giustizia, di Fratellanza, d’Amore e di Libertà che Gesù predicava. Dopo, sempre con quella metodica d'indagine l'antico Cristianesimo e poi le altre. Tanti altri nuovi aspetti, tanti altri quesiti e verità mai analizzate, mai sapute, si sono mostrati al mio cuore e alla mia mente quando mi sono affacciato ed indagato sulle altre religioni; Vedica, Buddista Induista, Sufista, Taoista, Musulmana ecc. Scoprendo anche in questi credi la morale e la santità perfettamente espressa, come nei nostri vangeli.

    Ma con grande inconsapevole stupore, con una mia grande ignoranza,dettata anche dai condizionamenti, avevo trascurato qualcosa, una parola, una sola parola che è rivelatrice è illuminate è una grandiosa verità che emerge, che sboccia come un fiore, che risorge come il sole, per rimarcare continuamente quel principio universale, quella legge, quell’aspetto Karmico, di causa ed effetto di semina e di raccolta, LA NASCITA, LA MORTE E LA RINASCITA come processo evolutivo dell'essere, che ritorna molte volte per elevarsi sempre di più nel cuore.

    Con mio grande stupore e quasi inaccettabile ad un normale pensiero laico/ortodosso occidentale Reincarnazione o Metempsicosi Orfico Pitagorica mi suonava come una nuova frontiera un’impensabile variabile, un nuovo più grande quesito su cui le mie analisi attente dovevano confluire, per dare risposte al mio cuore infranto che cercava in qualche modo, di trovare la via del contatto, del risanamento e delle verità celate.

    Anche i nostri padri dell’antico Cristianesimo accoglievano questa verità, ma come il solito tutto questo fu cancellato da quasi tutti i testi e soprattutto dai vangeli, anche se qualcosa è rimasto espresso perfettamente.

    Credetemi, non è stato facile smuovere certe congetture che erano presenti nel mio vivere e percepire questa nostra realtà. Sapevo

    RispondiElimina
  39. che solo un'analisi disinvolta e comparata mi avrebbe dato risposte attendibili al cuore. L'indagine sulle religioni, sulla storia, sui processi storici, politici, culturali e scientifici mi ha condotto come per mano a quel pensiero positivo, a quella linea di pensiero chiarificatore che è la filosofia, la scienza, l'arte e a tutto ciò che trova ispirazione nell'umano sentimento e rivelazione all’umano sentimento.
    Come ho già detto tante volte, l’ispirazione che non appartiene solo al passato, non è la sola ed unica prerogativa di quello che fu rivelato in un tempo passato ma, anche oggi in questo tempo, in ogni continuo tempo c’è stata, c’è e ci sarà sempre l’ispirazione e la rivelazione divina. Perché è l’uomo l’AUM, il centro di quella primigenia sacra Croce Ansata, chiave della vita che connette ed unifica il sovrumano ed il subumano.

    La reincarnazione non è trasmigrazione delle anime così come è stata interpretata erroneamente e volutamente tramandata, ma bensì NUOVA RINASCITA perché è un processo biologico (fisico/metafisico) presente in tutta la natura è come il giorno e la notte è come osservare un seme, un albero, un fiore, una reazione chimica, un fenomeno ciclico, un ecosistema o meditare sulla nascita, sulla crescita, sulla morte, sulla fotosintesi, sulla metamorfosi o sulla trasmutazione alchemica di un bruco ad una meravigliosa farfalla che attira la nostra attenzione in un suo sfavillante volo armonico.

    E’ una giusta e santa legge che quel dio dimenticato, con grande amore ha intriso in ogni particella della sua meravigliosa, grandiosa e infinita manifestazione. Affinché ogni cosa, nel tempo e nello spazio percorso, con tutta quella esperienza, con tutta quella memoria accumulata, con tutta la saggezza percepita, possa arrivare a Ricontemplare Se Stessa e ad elevarsi al quel dio che la generata con tanto amore.

    Come ci viene riportato da tantissimi illuminati, da tantissimi pensatori è come sapere in anticipo che degli amici molto cari che non vedevamo da tanto tempo, l’indomani saranno nostri ospiti e programmarsi per rendere questo incontro assai piacevole e confortevole, pianificando e prevedendo tante cose. Capite che molte volte le azioni, i pensieri, le parole, le implicanze e tante altre cose, sono il frutto di quello che avevamo pianificato il giorno prima? Capite che tutto questo può essere espresso come causa ed effetto o come dire ognuno raccoglie quello che ha seminato.

    Se solo si capisse che in questa vita spesso accogliamo quello che avevamo seminato in una vita precedente? Oppure che quello che si riuscirà a seminare in questa sarà raccolto nella successiva? Riuscite ad immaginare cosa potrebbe succedere se l’indomani svegliandoci non ricordiamo più niente, perdendo tutta la nostra memoria di tempo e di spazio percorso? Come dire che siamo rinati l’indomani?

    Quale forma migliore di crescita interiore nel capire la verità celata in PORGI L’ALTRA GUANCIA. Immaginate che qualcuno vi dia uno schiaffo (anche morale) immaginate anche che oltre per quella benevola forma di rispetto, di morale o di amore altruistico che ci viene insegnato, ci sia un altro motivo, più sottile più importante, necessario e celato a noi stessi. Immaginate che un vostro nemico di una vita passata oggi è l’immenso amore vostro padre, vostra madre, vostra moglie, vostro marito, vostro figlio,

    RispondiElimina
  40. vostra figlia o un grandioso fraterno amico/amica. Oppure che un amore grandioso di una vita passata oggi, in questa vita, per un motivo risolutorio è il vostro peggiore nemico. Se capissimo e accettassimo consapevolmente tutto questo, di sicuro porgeremo l’altra guancia, perché anche noi, possiamo aver sbagliato, ci siamo scordati del nostro passato, dei nostri errori, perché siamo umani ma siamo anche esseri pensanti, esseri divini e prima o poi troveremo la strada che ci permette di rilasciare le vecchie energie che ci hanno creato tanto turbamento, tanto dualismo, tanta rivalità, tanto odio, tanti rancori e tanti mali.

    Se vi dicessi “lasciate che siano i morti a seppellire i loro morti” quale vera riflessione si mostra al vostro cuore? Perché non si vuole capire il vero senso di queste sante parole? Perché non si vuole credere che chi non crede nella vita dopo la morte sono loro stessi già morti tante volte? Perché non si vuole credere che chi crede nella vita eterna nel suo intimo cuore sa che sono più vivi di noi in un piano di più elevata consapevolezza?.

    Se vi dicessi che ISLAM = rilascia, lascia andare, sii più tollerante, sii più amorevole, sii più compassionevole.
    Se vi dicessi che Maometto era stato anche Mosè quante complicanze, quanti dubbi e riflessioni per tutto quello che erroneamente e volutamente è successo e succede ancora nel mondo? Capite perché nel padre nostro diciamo rimetti noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori? Capite che quando diciamo non c’indurre in tentazioni ma liberaci da ogni male è errato o volutamente tradotto male?

    Quel padre celeste non è un tentatore è amorevole è un padre, che vuole che i propri figli crescano anche attraverso i lori illusori errori, perché solo cosi si potranno capire le differenze di percezione, di sentimento e di vita, nell’essere un inconsapevole malevole regnante o un povero suddito mendicante.

    Perché Gesù parlava a tanti dicendo che non avevano riconosciuto ELIA nel Precursore nel Giovanni il Battista? Oppure quando diceva che né i loro genitori né il loro sgorbio e malato figlio avevano colpe passate? Riflettete su queste parole riflettete con il cuore e capirete.

    Certo sono tantissimi gli ostacoli nei sentieri e percorsi di vita, privati dai ricordi dalle esperienze e di tanta memoria passata ma, ognuno è unico nell’universo non esiste un duplicato, anche se molte volte ci rapportiamo alla genealogia o con somiglianze derivate da caratteristiche ereditarie.

    Perché alla fine tutti ri-saremo angeli, perché sebbene con mezzi differenti, sebbene con tempi differenti, tutte le strade portano a Roma e tutti prima o poi alla fine arriveremo alla meta.

    Può mai un professore universitario parlare di fisica quantica, di integrali esponenziali, di buchi neri ecc. ad un bimbo delle elementari? Quel padre celeste è assai amorevole e vuole che i propri figli crescano per capire cosa voglia dire veramente AMORE ed imparare cosa voglia dire vivere e AMARE I PROPRI FRATELLI e solo quando quei figli avranno raggiunto quella richiesta maturità, quello stesso linguaggio del cuore si potrà parlare con l’immenso indefinibile cuore dell’ALTISSIMO.

    Tantissime sono le possibilità concesse all'essere per capire e per crescere ed elevarsi oltre gli errori commessi per mancanza di conoscenza o per omissione d'amore, di tolleranza, di compassione e tutto ciò che il cuore, l’anima e lo spirito immortale sa ri-conoscere come tale.

    Ci sono tante altre cose da raccontrare, ma è anche giusto frenare il proprio cuore per dare spazio a tanti cari amici.

    RispondiElimina
  41. cara Elena grazie tanto per le tue parole anche se sara' difficile ci provero' e brutto sentirsi piccola ed umiliata davanti a tutti ma spero che avro' la forza di andare avanti come fin adesso l'ho avuta grazie al Signore, spero solo di non arrendermi mai sempre con fede davanti alle situazioni difficili grazie, che il Signore ti benedica..GRAZIA.

    RispondiElimina
  42. Raffaele, non sono riuscito a leggere per intero, ma mi pare che tu abbia una confusione in testa molto grande. Quando Gesù parla di rinascita, non si riferisce certo alla reincarnazione. Rinascere, vuol dire morire nel vecchio e nascere nel nuovo. Quando ci si converte, il nostro vecchio io deve morire e rinascere in Cristo: altrimenti non ci sarebbe conversione. E' questo che Gesù dice a Nicodemo e non che c'è una reincarnazione. Sarebbe assurda una cosa del genere perchè ogni anima ha un tempo limitato nel quale mostrare di meritarsi il Regno di Dio. E ricorda che Dio ci ha donato la vita affinché in molti nascessimo: se fossero sempre gli stessi spiriti a rinascere non avrebbe senso. Tu guardi alle Parole di Gesù in maniera errata, seguendo condizionamenti di autori di altro genere, ma ricorda che le Parole di Gesù sono fatte per tutti gli esseri umani, umili e sapienti. Altrimenti non avrebbe avuto senso ringraziare il Padre per aver rivelato le cose ai piccoli e non ai sapienti. Non esiste reincarnazione: lungo tutta la Bibbia te ne rendi conto. RIcordi ad esempio l'incontro sulla montagna di Gesù con Elia e Mosè? Non ricordi la parabola di Lazzaro e il ricco? Apri il tuo cuore alla Parola di Dio e non alla parola di uomini. Attenzione perchè il confine tra bene e male e giusto e sbagliato è labile e se perdiamo di vista Gesù e l'amore per Lui, possiamo cadere nelle grinfia di satana senza nemmeno accorgercene. Elena ci ha dato un esempio in tal senso.

    RispondiElimina
  43. Carissimo Angel,
    se solo si capisse quello che ho detto, con il grandioso amorevole cuore che vi ritrovate sareste già santi per fare anche de miracoli.

    Se solo si capirebbe che i veri legami d'immenso amore non finiscono mai, e continuano ANCHE E SOPRATTUTTO oltre gli illusori reali veli dell'esistenza, oltre lo spazio/tempo, oltre l'assai così temuta SORELLA MORTE. Se solo si capisse che è contro ogni legge morale, naturale ed universale che si possa permettere per divina concessione d'instaurare un sincero divino spirituale dialogo interiore tra un assai ribelle tosto libero sincero addolorato/ridestato padre e un angelo e maestro figlio della luce, senza quella giusta radiosa fonte interiore che da qui con un frammento di saggezza antica chiamiamo AMORE o per questa stessa grandiosa luce interiore ci possa essere concesso anche di mentire, soprattutto a noi stessi. NON SAREBBE VERO AMORE, MA SOLO TIRANNA ILLUSORIA ESPRESSIONE DI UN EGO ALTERATO/ESALTATO CHE VIVE ANCORA SOLO NELLO SPECCHIO DELLA MENTE IN UN MARE D'INDUTTANZE INTERIORI ED ESTERIORI CHE SE NON CAPITE E TRASCESE CONDUCONO ALL'OBLIO DELL'ANIMA E DELL'ESSERE SUPERIORE CHE ALBERGA IN OGNI CUORE.

    Solo per evocare quella giusta memoria e per riportarlo alla voce del cuore di tanti cari amici e di tante care amiche vorrei esprimere il mio sincero ringraziamento attraverso una grandiosa affermazione di un essere superiore ed anche attraverso il canto di quella coscienza collettiva che da sempre, in ogni tempo ha parlato in tanti modi.

    La conoscenza universale può essere rivelata solo ai nostri fratelli che hanno affrontato le nostre stesse prove. La verità va dosata a misura dell’intelletto, dissimulata ai deboli, che renderebbe pazzi, nascosta ai malvagi, che solo potrebbero afferrarne qualche frammento di cui farebbero arma letale. Racchiudila nel tuo cuore, e che essa parli attraverso le tue opere. La scienza sarà la tua forza; la fede la tua spada; e il silenzio la tua corazza impenetrabile.”
    ( Ermete Trismegisto)


    SE SOLO CAPISSIMO CHE QUEL DIO, IN OGNI TEMPO HA TANTI NOMI ALLORA MOLTI MALI POTREBBERO SPARIRE DAL CUORE DURO E CIECO E SORDO DEGLI UOMINI.

    C’è una strada per andare dove l’odio non c’è
    Senza muri né paure senza più bandiere su di noi
    Qui non c’è nessuno che vuole sentirti gridare più forte
    Qui non c’è nessuno che vuole vederti volare nella notte

    Solo un passo nel futuro per sentire com’è
    Non è tempo di fuggire è tempo di tornare a vivere
    Qui non c’è nessuno che vuole sentirti gridare più forte
    Qui non c’è nessuno che vuole vederti volare nella notte
    Meglio che non dici a nessuno che in fondo ancora stai sperando
    Meglio che non alzi la voce se rompi il silenzio cantando
    C’è una sola direzione per uscire da qui
    Ed è arrendersi incondizionatamente all’amore e dire di si
    Ma qui non c’è nessuno che vuole sentirti gridare più forte
    Qui non c’è nessuno che vuole vederti volare nella notte
    Meglio che non dici a nessuno che in fondo ancora stai sperando
    Meglio che non alzi la voce se rompi il silenzio cantando
    E ti troverai nell’istante in cui ogni sguardo sarà spento e gelido
    E ti sembrerà che davvero tu sbagli sognando contromano Tu sbagli sognando.

    MA ORA E’ IL TEMPO DI GRIDARE FORTE AI QUATTRO VENTI PERCHE’ L’ANIMA HA BISOGNO DI MANIFESTARE LA SUA RADIOSA DIVINA LUCE INTERIORE, ROMPENDO TUTTE QUELLE CATENE ESISTENZIALI CHE LA TENGONO PRIGIONIERA IN TANTI MODI. E’ IL TEMPO DI RISVEGLIARE QUELLA COSCIENZA COSMICA CHE LATENTE E DORMIENTE E’ CELATA IN OGNI AMOREVOLE CUORE UMANO. E’ IL TEMPO DI QUEL FINALE NUOVO CICLO EVOLUTIVO TANTO ATTESO E TANTO NON CAPITO DELLA RACCOLTA DI QUELLA SEMINA CHE FU FATTA IN UN TEMPO PASSATO ASSAI REMOTO.

    Ho detto tante cose e penso che chi vuole intendere capirà.
    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  44. Raffaele, tu parli in maniera troppo elaborata e difficilmente qualcuno potrà capire il senso delle tue parole. La fede è fatta per essere capita dai semplici e dagli umili, e non solo da filosofi e sapienti.
    Con rispetto. Angel

    RispondiElimina
  45. Concordo con Angel e lo ringrazio per aver saputo dire in modo chiaro quello che pensavo anche io e che non sono molto brava a esprimere.
    Dio ci benedica tutti e ci illumini.
    @ Grazia: con Gesù tutto è possibile, anche quello che sembra più difficile. Confida in Lui solo e vedrai che Lui ti guiderà: "tutto concorre al bene per coloro che amano Dio".
    Dio ti benedica
    Elena

    RispondiElimina
  46. Rieccomi, dopo un paio di giorni. Avete scritto moltissimo! Non ce la faccio a leggere tutto, ho dato un'occhiata qui e là.
    Auguro a Grazia di ritrovare la serenità.
    Raffaele, perdonami, ma mi pare mescoli cose che non mi sembrano così collegate, mentre "psicotronica" e "hado", energie e vibrazioni varie, ho provato ad informarmi e temo che vadano a braccetto con le pseudoscienze e altre cose poco fondate che vanno tanto di moda oggi in Internet o in trasmissioni come Voyager o Mistero.
    Il mio scetticismo vale allo stesso modo anche per quello.
    Ti auguro comunque di trovare quel che cerchi.

    Io continuo a valutare l'attendibilità e controllare quel che leggo.
    Anche se ci sono delle somiglianze fra le religioni, qualcuno è andato oltre, trovando dettagli identici fra Horus, Dioniso ecc., che però sono poco fondati (chi è scettico verifica sempre e comunque, che sia da una parte o dall'altra).
    http://rispostebibbia.com/2008/04/15/horus-buddha-mithra-gesu-prometeo-krishna-son-tutti-nati-il-25-dicembre-da-una-vergine-vennero-iniziati-a-30-anni-morirono-crocefissi-e-dopo-tre-giorni-resuscitarono-chi-detiene-il-diritto-d/

    C'è altro che vorrei dire, ma ne parlerò più tardi o prossimamente.
    ~A~

    RispondiElimina
  47. ciao Raffale, mi sento di dirti che il tuo modo di scrivere, alquanto "complicato" e nello stesso tempo il tuo costante scrivere, se pur girandoci attorno, della stessa cosa in modo poco capibile e atto a creare della confusione non sia argomento adatto a essere trattato nel mio blog. Tu stai a mio avviso pubblicizzando il tuo credo ponendolo al di sopra di ogni argomento.
    Pur accettando i commenti e i consigli di tutte le persone che vogliono partecipare e commentare i vari post del blog, non accetto che si cerchi di pubblicizzare altre religioni, che non sia l'amore per Dio e per il suo Regno.
    Quindi ti chiedo gentilmente di sospendere questo tuo operato di "frullatore" di religioni. Nello stesso tempo sei sempre ben accetto per i tuoi commenti sui post che verranno pubblicati ma in modo pertinente e non per un secondo fine.

    RispondiElimina
  48. Carissimo Dardo,

    avevo già espresso che ormai non appartengo a nessun credo, e ogni tanto, anch'io vado in chiesa, ma con un'altra visione perché AMO GESU' CON CUI TRAMITE MIO FIGLIO SPESSO GLI PARLO TELEPATICAMENTE, E MOLTE VOLTE MI HA FATTO CAPIRE CHE DIO AMA TUTTI AL DI SOPRA DI OGNI CREDO, DI OGNI COLORE O DI OGNI RAZZA, DI OGNI CETO SOCIALE PERCHE' ALLA FINE QUELLO CHE CONTA E' SOLO L'AMORE CHE L'ESSERE UMANO RIESCE A MANIFESTARE FUORI. E' QUANTO C'E' VERO AMORE C'E' ANCHE UMILTA' COMPASSIONE, ALTRUISMO E ALTRE NECESSARFIE VIRTU' CHE PER FORZA DEVONO PASSARE PER IL CUORE. (qui ritorna utile capire la parabola del buon samaritano)

    Mi scuso con il tuo prezioso cuore per aver dato un'altra sensazione della mia persona , ma volevo esprimere con tante parole che alla fine si è TUTTI FRATELLI di questo mondo come di altri mondi e se qualcuno ha detto che SOLO NELLA CHIESA C'E' SALVEZZA io nella mia piccola comprensione dico che ANCHE NELLE VERITA' C''E SALVEZZA e se ho parlato di CONSAPEVOLEZZA O DI VISIONE e solo per farvi capire che SI PUO' ESPANDERE SEMPRE DI PIU' IL CUORE PERCHE' L'INFINITO AMORE NON HA LIMITI PER MANIFESTARSI.

    Con tanta Sentita Stima e Ammirazione
    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina